«È per Chad, vero?»
Ryan spegne la radio. La Honda Accord, diretta all’aeroporto di Medford, arranca lentamente tra il traffico urbano. Gloria vorrebbe evitare questa conversazione. Tutte le volte che ha intenzione di partire per un viaggio, ecco che sbuca Ryan da dietro l’angolo, pronto a chiederle se sta bene e ad assicurarsi che non stia scappando da qualcosa.
«Smettila. Lo sai che amo viaggiare, sin da quando ero piccola.»
«Mi dici perché vuoi partire?»
«Oh, non la fare tanto tragica» si infervora lei «voglio solo godermi un po’ di solitudine. Ora sono single e posso stare da sola con me.»
«Ma sono tutte stronzate, nessuno basta a sé stesso.»

Foto ©Martina Vignozzi