Precisa, profonda, impeccabile.
Inspira profondamente. Le note ripartono. Vuole il sudore, la fatica, lo sforzo, la rabbia, la determinazione, il fuoco nei muscoli e il sangue ai piedi.
Niente scuse, niente imperfezioni. Deve volare leggera sulla pesantezza che ora sente dentro.
Kelly esce dall’aula. Corre per il corridoio, ma non è l’aria che smuove a farla lacrimare, bensì gli occhi di Blake. La guardano feriti e arrabbiati e la fanno crollare prima ancora di raggiungere il camerino.

Foto ©Domenico Grillo & Francesca Colantonio